Vedi AMALFI e poi…

Amalfi, oh dolce Amalfi, perla della costiera oggi, repubblica marinara un tempo. Quanti amori consacrati in questi luoghi incantati, quante lacrime versate dai viaggiatori che salpavano dal tuo porto e da quelli che, ora, vengono a farti visita. Perché? Perché cara ci costi, ebbene sì. Ed ecco svanita la poesia. 

P1190455

La costiera amalfitana è notoriamente costosa, è risaputo, motivo per cui vi consiglio di visitarla in bassa stagione e di seguire i pochi semplici consigli che trovate qui sotto per risparmiare. (Basti pensare che per una sfogliatella si può arrivare a spendere anche 5 euro!) Ma dopotutto, almeno una volta nella vita, merita davvero di essere esplorata.

1. Alloggiate a Napoli o a Salerno, l’offerta è più ampia ed economica, i collegamenti sono comodi e raggiungere le due città è facile sia che veniate da Sud che da Nord, in macchina o in treno. Per 3 notti, in appartamento, considerate tra i 75 e i 100€ a persona. Ma se i vostri standard sono più elevati, di hotel ce ne sono parecchi.

2. Raggiungere Amalfi: d’estate è sicuramente molto romantico godersi il viaggio a bordo di un bel traghetto, d’inverno magari no. L’alternativa è il molto molto meno emozionante bus SITA. A qualsiasi ora lo prendiate è infatti sempre super affollato, il che spesso può significare niente posto a sedere e dunque trascorrere un’ora e quindici minuti di curve a gomito appesi alle maniglie come delle scimmie a un ramo (con annesso senso di nausea alla vostra discesa). Ma potrete avere tutto questo al costo di 4.80€ a/r con partenza da Salerno. (Se fate base a Napoli raggiungete Salerno in treno, il biglietto costa poco meno di 5€ e la durata del viaggio si aggira sui 40 minuti).

copia amalfi
                                                                                                                                   Vista di Amalfi dal pontile

Il panorama lungo il percorso è comunque mozzafiato, assicuratevi perciò i posti sul lato sinistro (se riuscite a sedervi), così da scattare foto anche di Ravello, Maiori o Minori e degli altri paesini di passaggio.

3. Visitare il Duomo di Amalfi: il costo del biglietto è 3€ e comprende il Duomo, il Chiostro del Paradiso, la Cripta di Sant’Andrea e il Museo Diocesano (basilica del Crocefisso). Si tratta dell’attrattiva principale della città, o meglio l’unica. Leggendo qua e là su vari siti e blog, credevo davvero fosse necessaria almeno un’ora per la visita completa, ma mi sbagliavo. Dipende dal vostro interesse ovviamente, ma ve la potrete cavare rapidamente con 15-20 minuti in tutto, foto comprese. La facciata, infatti, resta la cosa più bella dell’intero complesso.

P1190421
Dettaglio della facciata della Cattedrale di Sant’Andrea

Sempre in rete troverete scritto che nel periodo invernale, da novembre a febbraio, il complesso è visitabile tra le 10 e le 13.00 oppure le 14.30 e le 16. Niente di più falso: l‘orario è continuato! 

 

 

⇒ Tra le curiosità da vedere nella cittadina c’è la Fontana de Cape ‘e Ciucci. Fu realizzata nel XVIII sec. e il nome rimanda ai due volti marmorei scolpiti ai lati e al fatto che servisse per abbeverare gli asini che scendevano da Pogerola carichi di frutta e verdura. Dagli anni ’70 viene allestito un presepe nella fontana con pietre prelevate dalla Valle dei Mulini e statuite in gran parte sommerse nella vasca.

P1190390

 

Un pensiero su “Vedi AMALFI e poi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...